Punti neri e punti bianchi – Quali sono le differenze

Tra le mille imperfezioni che si possono sviluppare sul viso (brufoli, macchie, irritazioni), le più difficili da riconoscere sono i punti bianchi. Spesso, infatti, vengono scambiati per punti neri, ma capire che non sono la stessa cosa è fondamentale per prendersene cura nel migliore dei modi. Se non sapevate neanche della loro esistenza, Maison Loo vi tende la mano e vi supporta in questa nuova tappa del viaggio verso la pelle perfetta: in questo articolo, infatti, vi forniamo una guida semplice ed esaustiva per capire le differenze tra punti neri e punti bianchi, perché si formano e come trattare i secondi nella maniera più corretta: vedrete che con un po’ di impegno, resteranno solo dei lontani ricordi.

LE DIFFERENZE TRA
PUNTI NERI E PUNTI BIANCHI
e come trattarli.

Come riconoscerli.

La differenza tra punti neri e punti bianchi è molto sottile, tanto che spesso dei secondi non se ne conosce neanche l’esistenza. Eppure, come in tutte le cose, conoscere bene i propri nemici è la prima regola – e il primo passo – per sconfiggerli. Ecco quindi in cosa sono diversi e un semplice tip per riconoscerli.

  • I punti neri (o comedoni aperti) sono pori parzialmente ostruiti da sebo e cellule morte e devono il loro colore al fatto che, essendo il poro aperto, il contatto con l’ossigeno porta a un’ossidazione che li scurisce.
  • I punti bianchi, invece, vengono detti tecnicamente comedoni chiusi, e tanto basta a capirne l’esatta differenza. Si tratta, infatti, di possibili futuri punti neri non ancora dischiusi e che, quindi, mantengono il loro caratteristico color bianco (o il colore della vostra pelle) proprio perché l’accumulo di sebo sotto la pelle non è ancora venuto a contatto con l’aria e – di fatto – non si è ancora ossidato.

Proprio perché originati da un eccesso di sebo e cellule morte, entrami tendono a spuntare nella zona più grassa del viso: la famosa zona T composta da fronte, naso e mento. Questo rende il riconoscimento ancora più difficile, ma abbiamo un tip piccolo ed efficace che può aiutarvi.
Quanto passate le dita sulla pelle del viso e sentite dei piccolissimi rigonfiamenti, senza però vedere punti scuri, quasi sicuramente vi siete imbattuti in una – passateci il termine – sacchetta di sebo sottocutaneo, e dovreste iniziare a inserire qualche prodotto capace di prendersene cura all’interno del vostro regime di skincare.

Le cause.

Esistono tantissimi fattori che possono scatenare la comparsa di punti bianchi. Le due principali sono:

  • l’attività eccessiva delle ghiandole responsabili della produzione di sebo: depositandosi sulla pelle, infatti, questo olio naturale entra all’interno dei pori addensandosi.
  • una rimozione delle cellule morte poco efficace;

Altre cause possono essere:

  • i cambiamenti ormonali durante la pubertà o a seconda del ciclo mestruale;
  • l’esposizione eccessiva ai raggi solari.

Come trattarli.

la differenza tra punti neri e punti bianchi e come trattarli

Una volta capito quale sarà l’avversario sul campo di battaglia, è giusto procurarsi le giuste frecce per il nostro arco della skincare. Come avrete potuto intuire leggendo le cause che portano alla formazione di punti bianchi, due momenti delle routine diventano fondamentali quando si ha a che fare con questo inestetismo.

La doppia detersione.

La fase di pulizia del viso è importantissima per tutti gli aspetti che riguardano la pelle, ma nel caso di punti bianchi è davvero la chiave di svolta: svolgendo costantemente un’accurata doppia detersione, infatti, l’aspetto del viso sarà come mai avremmo potuto immaginare.

Con il detergente a base oleosa riusciremo a rimuovere “per affinità” il sebo e la sporcizia che si è depositata sul volto durante il giorno. Il grasso del detergente, infatti, è in grado di aggrapparsi al grasso sulla pelle e di portarselo via una volta che viene sciacquato.

A questo punto, il detergente a base acquosa farà sì che eventuali residui di olio o make-up vengano puliti, lasciando il viso perfettamente pulito.

Una pelle correttamente detersa ha minori possibilità che le impurità possano penetrare all’interno dei pori proprio perché queste impurità non esistono: di conseguenza, avremo un minor rischio che si formino brufoli, irritazioni e punti neri o bianchi.

| Letture consigliate |
Detergente a base oleosa: come sceglierlo in base al tuo tipo di pelle.
Detergente a base acquosa: come sceglierlo in base al tuo tipo di pelle.

Esfoliante.

Come dicevamo prima, la seconda causa principale della formazione di punti bianchi è una rimozione delle cellule morte poco efficace. In questo senso, diventa fondamentale il processo di esfoliazione, da svolgere dalle 2 alle 3 volte a settimana a seconda delle proprie necessità o della gravità della propria situazione.

| Lettura consigliata|
Esfolianti coreani – i migliori prodotti in base al tuo tipo di pelle.

Potete scegliere di procedere con un’esfoliazione fisica da scrub, o un’esfoliazione chimica con prodotti imbevuti di acidi esfolianti: dipende molto da voi e dalle vostre abitudini, ma noi siamo più propensi a consigliarvi la seconda. Un po’ perché è un trattamento meno aggressivo e riduce il rischio di graffi e irritazioni; un po’ perché gli esfolianti chimici riescono ad andare oltre la superficie della pelle, rendendo la rimozione delle cellule morte ancora più profonda.
Gli alfa e beta-idrossiacidi (AHA e BHA) sono ingredienti perfetti anche sulla pelle sensibile, ma se la vostra pelle è estremamente sensibile, andate con i poli-idrossiacidi (PHA) pensati apposta per voi!

| Lettura consigliata |
Esfolianti chimici o fisici: quali dovresti usare?
Gli acidi più comuni del k-beauty – e come utilizzarli.

*Attenzione* – Passare da una giusta esfoliazione e una troppa esfoliazione è un passo molto breve e non bisognerebbe mai esagerare: leggete il nostro articolo Esfoliazione – 3 segnali che ti dicono che stai esagerando per capire quando è giusto fermarsi!

Possiamo schiacciarli?

è meglio non schiacciare i punti bianchi

È forse il guilty pleasure a cui nessuno può resistere: anche noi abbiamo le dita che tremano appena notiamo un punto nero o un punto bianco sul viso. Con il tempo, però, abbiamo capito che i rischi di fare danni peggiori erano troppo alti rispetto al piacere che provavamo ed è per questo che vi consigliamo di lasciar stare queste imperfezioni.
Estirpare un punto bianco dal viso richiede tecnica e – a meno che voi non siate estetiste professioniste – è bene lasciar fare questo sporco lavoro a chi lo sa fare. Gli errori che si possono commettere sono infatti tantissimi e non sarebbe bello ritrovarsi con cicatrici o brufoli per mezzo secondo di felicità, no?

 

Questa era quindi la nostra guida sulle principali differenze tra punti neri e punti bianchi per capire come riconoscerli e come trattarli. Conoscerli e liberarsene è importantissimo per ottenere una pelle perfetta e iniziare a utilizzare il make-up non per nascondersi, ma per esaltare la propria naturale bellezza. Se ti interessa approfondire l’argomento “pori dilatati”, abbiamo qualche articolo da consigliarti:

Sfatiamo insieme 4 falsi miti sui pori della pelle.
Pori dilatati – I migliori prodotti coreani e i migliori ingredienti per combatterli.

Come sempre, però, ci interessa tantissimo sapere la vostra: conoscevate queste differenze? e che prodotti usate quando dovete combattere i punti bianchi? Lasciateci le vostre risposte nei commenti oppure scriveteci alla nostra Pagina Instagram dove parliamo ogni giorni di k-beauty!


Contenuto creato da Maison Loo. Vietata la riproduzione senza consenso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco perché ci amano

icb300-tutti-i-migliori-brand-di-cosmetici-coreani

Sul nostro sito trovi tutte le migliori marche di cosmetici coreani per la cura della tua pelle.

icb300-prodotti-cosmetici-coreani-miglior-prezzo-senza-costi-doganali

Acquista dall'Italia e dall'Europa a prezzi vantaggiosi, dimenticando tasse e dazi doganali.

icb300-prodotti-cosmetici-coreani-testati-direttamente-da-noi

Su Maison Loo abbiamo solamente prodotti che testiamo personalmente. Puoi fidarti della nostra esperienza!

icb300-trasporto-rapido-cosmetici-coreani-in-italia-europa

In Italia e in Spagna, la consegna dei prodotti avviene in 24/48h ed è gratuita oltre i 69 €.

Chiudi

Maison Loo

Cosmetici Coreani e Skincare Routine Coreana

Chiudi

Accedi

Chiudi

Carrello (0)

Il carrello è vuoto Nessun prodotto in carrello.

Maison Loo

Cosmetici Coreani e Skincare Routine Coreana

Lingua