Perché l’uva bianca è ciò di cui abbiamo bisogno nei prodotti cosmetici

È andata più o meno così: qualche anno fa stavamo bevendo un bicchiere di vino e avevamo appena finito la nostra skincare a base di uva bianca. Solo in quel momento abbiamo capito quanto ci piacesse questo tipo di uva e quanto poco sapessimo a riguardo. Abbiamo studiato per recuperare, e oggi abbiamo deciso di scrivere una piccola guida anche per voi. Come Dante con Virgilio, affidatevi a Maison Loo e seguiteci in questo viaggio tra le viti per scoprire tutti i benefici dell’uva bianca quando viene inserita nei prodotti cosmetici. La città di destinazione è sempre la stessa: Pelle Perfetta.

I BENEFICI DELL’UVA BIANCA
nei prodotti di skincare

Vista al microscopio, l’uva bianca è davvero qualcosa di sbalorditivo: la sua composizione nutrizionale e chimica, infatti, è incredibile. Ogni piccolo acino ha una quantità di sali minerali, vitamine, carboidrati, tannini, flavonoidi e carotenoidi da far invidia a qualsiasi altro alimento. Non è un caso che, dopo averla apprezzata in tavola in tutte le sue svariate forme fin dall’inizio dei tempi, ora se ne faccia un grande uso anche nella cosmetica. Tantissimi centri benessere all’avanguardia hanno inserito la vinoterapia tra i loro servizi e ogni giorno continuano ad aumentare i brand che propongono intere linee a base di questo ingrediente. Il perché? Basta accorgersi di tutti i suoi componenti. Eccoli!

Di che cosa è fatta l’uva bianca.

Iniziamo dall’ovvio: le vitamine. L’uva bianca, infatti, ha al suo interno un pool di vitamine invidiabile che le consente di regolare il metabolismo della pelle, facendola rinnovare più velocemente. Sempre ovvi sono poi i sali minerali e i tanti zuccheri: anch’essi contribuiscono al rinnovo cellulare, ma apportano anche nutrimento, rimpolpando l’epidermide.

Andiamo adesso un po’ più a fondo.

Gli altri elementi contenuti nell’uva bianca che ci interessano sono i polifenoli, potenti antiossidanti che contrastano le minacce esterne creando uno scudo protettivo attorno alla pelle. I polifenoli più utili tra tutti quelli presenti nel chicco d’uva sono principalmente due:

  • Il resveratrolo –  È il più efficace nel combattere i radicali liberi, sia impedendone la formazione, sia bloccando l’azione di quelli già presenti.
  • Le proantocianidine – Un’altra classe di polifenoli capace di stimolare la rigenerazione cutanea e, quindi, particolarmente efficace anche nella cura di ferite, tagli, arrossamenti e irritazioni.

i benefici dell'uva bianca nei prodotti cosmetici

I benefici dell’uva bianca sulla pelle.

“Si, Maisonloog: interessantissima la composizione dell’uva bianca, ma che benefici apporta al lato pratico?”.
Eccovi le risposte che stavate cercando!

L’uva bianca previene l’invecchiamento cutaneo, da un lato grazie all’azione antiossidante dei polifenoli che abbiamo appena visto, dall’altro grazie alla sua capacità di stabilizzare e stimolare la produzione di elastina e collagene, le due proteine responsabili dell’elasticità – e quindi della non-caduta – della pelle. L’uva bianca, poi, è in grado di continuare ad agire fino a tre giorni interi: i polifenoli – insieme alla vitamina C, E e il betacarotene – svolgeranno la loro azione a lungo, proteggendo la pelle dagli agenti esterni per tantissime ore!

Oltre a un effetto anti-age formidabile, l’uva bianca ha poi poteri astringenti (perfetta quindi per chi ha problemi di pori dilatati e grana della pelle poco uniforme), anti-macchie (da utilizzare quindi soprattutto d’autunno per rimediare a un’esposizione ai raggi solari non proprio da manule), leviganti ed esfolianti.

Tutto questo in un solo chicco: non vi sembra pazzesco?

In che forme troviamo l’uva bianca nei cosmetici.

Dell’uva bianca non si butta via niente.
Ok, forse non era proprio così, ma il concetto è lo stesso. All’interno dei prodotti cosmetici, infatti, possiamo trovarla nelle sue tre principali manifestazioni:

  • Il frutto – Nell’inci troverete la dicitura Vitis Vinifera Fruit Extract;
  • Le foglie – Che nella lista ingredienti compaiano come Vitis Vinifera Leaf Extract;
  • I semi – Quando leggete Vitis Vinifera Seed Extract, si fa rifermento proprio a questa parte.

Un ingrediente quindi a tutto tondo, che sa apportare benefici dalla pianta, al frutto, ai piccoli semini. Qualcosa di così prezioso non poteva sfuggire al mondo del beauty, infatti…

GREEN GRAPE PORE CONTROL
la linea all’uva bianca di Frudia

Chi fin da subito si è accorta delle sue potenzialità è la cosmesi coreana. Il brand Frudia, in particolare, ha creato un’intera linea a base di uva bianca (in inglese, appunto, green grape) destinata a chi vuole prendersi cura dei pori dilatati. A Maison Loo abbiamo testato – e amato alla follia – questi prodotti, tanto da inserirli tutti all’interno del nostro store!

Il Green Grape Pore Control Scrub Cleansing Foam sfrutta il potere astringente dell’uva bianca e lo combina con un effetto leggermente esfoliante dei microgranuli: questo vi consentirà di pulire a fondo i pori da sebo e impurità e restringerli per evitare che tornino a formarsi punti neri, punti bianchi o brufoli.
Lo trovate qua:

Green Grape Pore Control Scrub Cleansing Foam

| Letture consigliate |
Punti neri e punti bianchi – Quali sono le differenze
Come trattare i punti neri (ed evitare che tornino)

Il Green Grape Pore Control Toner ci aiuta a riequilibrare il pH e la barriera idrolipidica della pelle dopo detersione ed esfoliazione, terminando il processo di pulizia e preparando il viso ad assorbire tutti gli attivi che applicheremo poi. Questo tonico, poi, è il primo fondamentale step per creare quello scudo protettivo di cui abbiamo parlato, se vogliamo difendere la pelle da agenti atmosferici e smog durante la giornata.
Eccolo:

Green Grape Pore Control Toner

| Lettura consigliata |
Cos’è il tonico e perché dovresti utilizzarlo.

Il Green Grape Pore Control Serum continua, sulla scia dei suoi due simpatici amici, a svolgere un’azione astringente uniformando la texture della pelle, ma apporta anche un concentrato di nutrimento molto importante.

Green Grape Pore Control Serum

| Lettura consigliata |
Cosa sono i sieri coreani? Le risposte a 5 FAQ

La Green Grape Pore Control Cream è l’ideale, infine, per bloccare all’interno della pelle tutti i principi attivi che abbiamo applicato in precedenza e permettere loro di agire al meglio, dando al contempo l’ultimo importantissimo guizzo di idratazione e nutrimento che ci meritiamo!

Green Grape Pore Control Cream

| Lettura consigliata |
Ingredienti e creme idratanti – Di quali hai bisogno?

Al termine di una routine con questi prodotti, svolta in maniera costante ogni giorno, la vostra pelle sarà quindi uniforme, pura, rimpolpata e protetta da qualsiasi potenziale aggressione. Potrete quindi camminare a testa alta senza temere nulla e senza dover nascondere una pelle problematica con il make-up: vi piace come idea?
Fateci sapere nei commenti se avete già iniziato a utilizzare prodotti a base di uva bianca e se state già notando tutti i suoi benefici! Se poi vi piacerebbe riempire la vostra home e le vostre storie di instagram con il k-beauty, l’unica soluzione è seguire la nostra pagina!


Contenuto creato da Maison Loo. Vietata la riproduzione senza consenso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi

Maison Loo

Cosmetici Coreani e Skincare Routine Coreana

Chiudi

Accedi

Chiudi

Carrello (0)

Il carrello è vuoto Nessun prodotto in carrello.

Maison Loo

Cosmetici Coreani e Skincare Routine Coreana



Lingua